Carlo Grossi

 

Colori

“La merceria Santori mi serve da oltre quarant’anni, al 1972 datano i miei lavori con l’uso di fili da ricamo e bottoni. Il negozio è come una miniera di informazioni , colori, umanità da parte dei due coniugi che la gestiscono. Il futuro della bottega sembra destinarla a un declino inesorabile causa l’età dei gestori e la mancanza di ricambio generazionale. Due soli tipi di attività commerciale hanno sempre esercitato su di me grande attrazione, quella dei colorai e questa dei merciai. Entrambe le tipologie dispongono di grandi scelte di elementi colorati come i tubetti di pigmenti o le matasse di fili da ricamo, ordinate in tante basse cassettiere datate alla fondazione del negozio molti decenni fa. Colori, colori, colori. L’insegna gialla del negozio recita anonimamente “Merceria” ma basta entrare e si viene accolti da due persone affabili, competenti e disponibili.Si potrebbe dire che Santori vende colori e regala calore umano che di questi aridi tempi, frettolosamente superficiali è ciò che tutti, inconsciamente, vorremmo ricevere. L’ opera:  Eptathlon Metaphora è il titolo, una tecnica mista su faesite, di colori acrilici e fili da ricamo, in una cornice del secolo scorso, come il negozio.Sette aghi diversi, da materasso, da tappeto, da tappezziere, da pacchi ecc  con vivaci e mobili code di filo si trovano nel buio in competizione per raggiungere ognuno il suo bottone rosso. Vincerà soltanto il più forte e veloce di loro con risultati, sappiamo, talvolta, sorprendenti. Tre elementi, l’ago, il filo e il bottone separati restano piacevoli ma poco utili, ma soltanto unendosi  danno  quel valore aggiunto molto superiore al loro singolo di origine. Come a dare una nuova vita.”

Carlo Grossi